DAS VENEZIANISCHE DIATESSARON

UND  DAS  BARNABASEVANGELIUM

 


   Textliche Übereinstimmungen sind fett hervorgehoben:

– Übereinstimungen mit dem venezianischen Diatessaron: schwarz

– Übereinstimmungen mit dem toskanischen Diatessaron:  rot

 

DIE GEBURTSGESCHICHTE (EBV 1–9)

Diatessaron Veneto

 

(Ioh. 1,1; f. 7r): Sempre era lo figlolo di Dio et lo figluolo era apresso del pare et era Dio. (1) Cossi era nel començamento apresso de Dio: (3) tute le cosse sono fate per lui. et sença esso fato è nente co chʾè fato: (4) en lui era vita. et questa vita era luce de li homeni. (5) Et questa luce ne le tenebre luce et le tenebre non la compressoro.

 

 

Evangelio secundum Lucham (1, 5). Cap. I. Fue ne li dì de herode Re di Iudea uno prevede che havea nome Çacharia de la schieta de Biaa et la mogliere de la scheta de Aron. Et lo nome suo è Helisabeth (6) et ambidue erano iusti davanti de Dio et andavano per la via de comandamenti (7) et no havevano figlioli. Imperço che Helisabeth era sterile et anbidue eran antichi. (8) Venuto lo tempo che elli dovea aministrar nel templo a Dio (9) secundo la sorte soa, entrà nel templo ad inçenssare, et stagando lui nel templo (10) et aspetando tuto lo populo di fora, (11) lʾangelo di Dio li aparsse dala dextra parte de lʾaltare. (12) Et Çacharia si espaurie e tremore lui prese grande (13) E disse lʾangelo a lui: non temer Çacharia, sapiando che la toa horatione si è exaudita et la toa mogliere enparturirà fiolo et haverà nome Iohanne (14) at haverani gaudio cum exultatione et molti ne la nativitate sua sʾaliegrarano (15) et serà grande dinançi de Dio; vino nè çervisia non beverà(i) e serà pieno di Spirito Santo nel ventre de la mare soa (16) e convertirà molti del populo de li Çudei al veraçe Dio so. (17) Et ello andarà in spirito et in vertude dʾElya inançi al fiolo di Dio per convertirli ad ello et fare veraçe populo di Dio. (18) Et Çacharia disse a lʾangelo: "onde posso io savere çiò ? Io sono anticho et mia muglere oltrosì". (19) Disse lʾangelo: "Io sono (f. 7v) lʾangelo Gabriel lo qual fui dinançi de Dio e sono mandato a dirti  queste cosse et anuntiare. (20) Et perçò che pare che tu dubiti e non credi a le mie parole, tu serai muto difina tanto che questa cossa advenirà". (21) Et lo populo che aspetava di fora si maraveiava chʾello stava cotanto. (22) Enseando Çacharia del templo non li potea parlar, unde cognoscè lo povolo chʾello avea veiuto alcuna visione nel templo et lui medesimo per segni dimostrava çiò et stete muto. (23) Compiuto lo dì del so hofiçio ello retornò a caxa soa, (24) et Helisabeth soa muliere si ingravidò et per vergonia çinque mexi si celava dicando: (25) Cossi me à fato Dio, mo chʾio son vechia el vuole remover lo mio desonor intra le altre femene.

 

Secundum Lucham (1, 26). Ca. II.

Nel sexto mexe çoè in março et nel vigesimo dì março, mandato è lʾangelo Gabriel da Dio in una civitate de la provincia di Galilea chʾavea noe Naçareth (27) a una vergene la qual era sposata a uno homo chʾavea nome Ioseph lo quale era de scheta di David che fue Re. E lo nomme de la vergine, Maria. (28) Et entrà lʾangelo ad ella ne la camera et disse: "Dio ti salvi piena di gratia, lo Signore Dio è con tiego, benedicta tu intra le femene". Audita queste cosse, ella se tremie ne le parole de lʾangelo, et pensava quale fosse questa salutatione. (30) Et lʾangelo li disse: "Non temere, Maria, sapiando che tu (sic) atrovata grande apresso de Dio, (31) onde tu te gravidarai et se (sic) parturirai figliolo et poragli nome Iesù. (32) Questo to figliolo serà gran cossa et serà apelato fiolo de Dio altissimo. Et darai Domenedio lo luo[go] et la sedia di David suo pare et regnarà in la casa de [I]acob sempre (33) et lo so regname non havrai de che infina". (34) Et disse Maria a lʾangelo: "In che modo si farà çioe? Conço (f. 8r) ssia chʾio homo non cognosco et non intendo di cognoscere". (35) Et lʾangelo rispoxe e disse: "Spirito Sancto descenderà in te et la vertù de lʾaltissimo Dio ti sanctificarà, et imperçò quella santa cossa che nascerà di te serà decto fiolo de Dio. (36) Et açiò che possi havere certeça di quello chʾio te dico, eccho che Helisabeth toa cugnada è gravida ne la vechieça soa, quella chʾera dita sterile e mo è nel sexto mese (37) che a Dio neguna cossa è impossibele". (38) Et disse Maria a lʾangelo: "Ecchoti lʾancilla et famula del Signor; sia secondo che tu ai dito e ço che a lui piaçe". Facto e dito  ç lʾangelo si partì dʾela

 

(39) et la Vergene prestamente si partì de la soa çitade et andò a la çitade (40) ne la quale habitava Helisabeth et salutà Helisabeth (41) et incontenente che Helisabeth audì la salutatione di Maria, lo fante lo qual essa avea nel ventre si mosse et se alegrò, et Helisabeth inplida fu di Spirito Santo. (42) Si la chiamò e disse: "Benedicta tu intra le femene et benedicto lo fruto del ventre tuo. (43) Et unde è çò a mi che la mare del mio Segnore vegna a mie? (44) Da poi che tu me ssalutasti et che la voçe tua pervene ale mie orechie lo fantino chʾio ho nel ventre ò sentito muovere et alegrarsse, et esser molto beato, (45) ma beata te chʾai creduto a quello che del figlol de Dio tʾè dito per lʾangelo che veracemente tʾavignirà çò che tʾè dito per lʾangelo da parte de Dio".

 

(46) E Maria disse: "Magnifica lʾanimo mio lo Segnore (47) et alegrai lo spirito mio in Dio mio salutare, (48) imperçò chʾello inguardò a lʾhumilità de lʾancilla sua. Ecco che tute le generatione dicono me beata. (49) Colui chʾè posente (f. 8v) el nome del quale è benedeto, si mʾà fato gran gratia et gran doni (50) et la misericordia soa sempre è stata in ogni gente la qual à temuto lui, (51) facto et mostrato la sua possantia,

Barnabasevangelium

  [Joh 1,1–5 fehlt]

|

|

|

|

|

|

|

|

|

 

 

[Lk 1,5–25 fehlt]

|

|

|

|

|

|

|

|

|

|

|

|

|

|

|

|

|

|

|

|

|

|

|

|

|

|

|

|

|

|

|

|

|

|

|

|

|

|

|

|

|

|

|

|

|

|

|

|

|

|

|

|

|

|

|

|

|

|

|

|

|

|

|

  [Lk 1, 26–38 (EBV 1):]

Questi hani passati fu uisitato una uergine chiamata maria. della stirpe di dauit della tribu di iuda per langelo gabrielo da Dio. quessta uerggine uiuendo con ogni santita senza ueruno scandallo essendo ireprensibile he stando in horatione chõ ieiunij. un giorno essendo solla hentro nella chamera sua langelo gabrielo he la saluto dicendo DIO sia con te ho maria. si spauento la uergine nello aspeto del angelo la quale la confforto langelo dicendo non temere maria. perche tu sei grata apresso DIO il quale tia elleta per madre di uno proffeta il quale mandera al popullo de issdraelle azioche chaminino nella sua legie | con uerita di cuore. Risspose la uergine hora chome partoriro fioli non chonoscendo homo. Risspose langelo ho maria potente he DIO che fece lomo senzza homo di generare in te lomo senza homo perche apresso lui niente he impossibile. Risspose maria io so che DIO he omnipotente pero sia fata la uollonta sua. Risspose langelo hora sie in te concetto il profetta il quale chaimerai iessu he il chustodirai dauino he sicera he da ogni cibo inmodo perche elgie santo di DIO il fanciulo. se inclino maria chon humilta dicendo echo la serua di DIO sia fato secondo la tua parola. partisi langelo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

[Lk 1,39–45 fehlt]

|

|

|

|

|

|

|

|

|

|

|

|

|

|

|

|

|

|

|

|

|

|

|

 

[Lk 1,46–55 (Magnificat):]

he la uergine glorificho DIO dicendo chonesci la grandezza di DIO ho anima mia he exulta spirito mio in DIO saluatore mio. il quale ha guardato la humilta della sua serua talmente che saro chiamata beata da tutte le natione. perche mia fato grande lui che he potente che sia benedeto il santo nome suo. perche la missericordia sua si esstende di stirpe in stirpe che temeno lui. ha fato | potente la mano sua he ha dissperso il superbo nella mente del suo cuore. elgia depossto li potenti della loro sede et elgia exaltato li humili. Chie stato affamato lia rempiuto di bene he li richi lia mandato uoti. perche lie in memoria le promese fate ha abraham he al suo fiolo per sempre.


DIE MESSIASFRAGE (EBV 42)

 E mandono a lui ambasciadori i quali li feno questa questione: „Chi è tu?“ Et el resoxe: „Io non son Christo.“ Et elli disseno: „Chi è tu adoncha? È tu Helia?“ E Iohani respoxe: „Io non son Elya“ Et elli diseno: „È tu propheta?“ E risponde Iohanni: „Non sono“. Et in questa fiata disse li ambassadori: „Adonqua dine chi tu è, açiò che noi habiamo che respondere a queli che n’à mandati a te; que dì tu de ti stesso?“ E ello respoxe: „Io son voçe de choluj che clama nel deserto, çoè di Christo a prestare la via al Signore“.

 

Onde mandorno li leuiti he alchuni scribi ha interogarlo con dire chi sei tu. confeso iessu he disse la uerrita io no son il messia; dissero loro, sei tu helia ouero hieremia ouero alcuno di proffeti antichi. Risspose iessu no. allora dissero loro chi sei dicillo azioche diamo tesstimonio ha cholloro che cia mandati. Disse allora iessu io son una uoce che chrida per tutta iudea che crida. aparechiate la uia al nontio di DIO si chome he scrito in esaia.


DIE DAVIDSOHNFRAGE (EBV 43)

Matthio (22,41). Ca: CXXX. Congregadi unʾaltra visenda li Farisei, Iesu li domandò (42) e disseli: "Que pare a voi de Christo? De chi fiolo ello è?" Ei dessero: "De David". (43) E Iesu disse a lloro: "Como duncha Davi en spirito lʾapella Signor, digando: (44) –– Disse lo Signor al mio Signore, siede da la parte mia dextra, defina tanto chʾio meterò li nimisi toi soto li pedi toi? –– (45) Duncha se Davi lo chiama so Signore como ellʾè lo so fiolo?" (46) E nessuno no li podea respondere alguna parola: no fo ardido alguno de questi dì de domandarlo plu.

|

|

allora disse iessu he il nontio di DIO quando uenira de qualle stirpe uera elgi. Rissposero li disscepoli di dauit onde disse iessu uoi ue inganate perche dauit in spirito lo chiama signorre chosi dicendo. ha deto DIO al mio signore siedi alla mia destra insino chio pono li tuoi innimici scagno delli tuoi piedi. metera DIO la tua bacheta che signoregera in mezzo li tuoi innimicj. se il nontio di DIO il quale chiamate messia fusi fiolo di dauit chome dauit lo chiameria signore.